< Torna al blog

ENTI BILATERALI NEL SETTORE NEL LAVORO DOMESTICO: COSA SONO CAS.SA.COLF e EBINCOLF

ENTI BILATERALI NEL SETTORE NEL LAVORO DOMESTICO: COSA SONO CAS.SA.COLF e EBINCOLF

DOMINA, Fidaldo, Filcams-CGIL, Fisascat-CISL, UILTuCS e Federcolf, oltre a firmare il contratto collettivo nazionale sulla disciplina del lavoro domestico, hanno collaborato per istituire la bilateralità del settore: Ebincof e Cas.Sa.Colf.

L’Ente bilaterale Ebincolf ha il compito di condurre analisi e studi volti a comprendere gli aspetti distintivi delle varie realtà presenti in Italia nel contesto del lavoro domestico (art. 48). Inoltre, è stata creata la Cas.Sa.Colf, con l’obiettivo di fornire prestazioni e servizi integrativi aggiuntivi e/o alternativi alle prestazioni sociali pubbliche obbligatorie a favore dei dipendenti collaboratori familiari. Questa struttura offre anche servizi e prestazioni a sostegno dei datori di lavoro (art. 50).

 

Ebincolf: il cuore dell’osservatorio del Lavoro Domestico

Ebincolf, istituito il 23 dicembre 2002 dalle Organizzazioni datoriali e dalle Associazioni sindacali nazionali firmatarie del Contratto Collettivo Nazionale del Lavoro (CCNL), funge da Ente bilaterale paritetico e svolge il ruolo di Osservatorio. Il suo scopo principale è condurre analisi e studi mirati a comprendere le caratteristiche specifiche delle diverse realtà presenti in Italia nel settore del lavoro domestico.

Le attività di monitoraggio di Ebincolf includono la valutazione della situazione occupazionale della categoria, l’analisi delle retribuzioni medie effettive, la verifica del livello di applicazione del CCNL nei vari territori, l’esame dell’uniformità nell’applicazione del CCNL e delle normative di legge ai lavoratori stranieri, l’analisi della situazione previdenziale ed assistenziale della categoria, l’identificazione dei fabbisogni formativi, e la formulazione di proposte in materia di sicurezza.

Inoltre, Ebincolf promuove e gestisce iniziative di formazione e qualificazione professionale a diversi livelli, in collaborazione con Regioni e altri Enti competenti, e fornisce informazioni sulla sicurezza. Agisce come segreteria operativa della Commissione Paritetica Nazionale ai sensi dell’art. 46 del CCNL, la quale emette pareri e proposte sull’applicazione del Contratto Collettivo, esamina le istanze delle Parti Sociali per nuove figure professionali, e risolve eventuali controversie tra Associazioni territoriali dei datori e dei lavoratori.

Inoltre, secondo quanto previsto dall’art. 49, la contrattazione di secondo livello su indennità di vitto e alloggio, nonché sulle ore di permesso per studio e/o formazione professionale, avviene presso la sede di Ebincolf, dove vengono depositati gli accordi stipulati per la loro efficacia. Infine, un’importante prerogativa dell’Ente è la certificazione delle loro competenze professionali, realizzate in collaborazione con le Organizzazioni datoriali e le Associazioni sindacali su tutto il territorio nazionale attraverso corsi di formazione professionale.

 

Servizi assistenziali e assicurativi integrativi: Cas.Sa.Colf

Cas.Sa.Colf si occupa invece di fornire servizi assistenziali e assicurativi integrativi nel campo del Lavoro Domestico. Beneficiano di tali servizi tutti i lavoratori e datori di lavoro domestico che hanno effettuato il pagamento del contributo di assistenza contrattuale secondo l’art. 53 del CCNL sottoscritto da DOMINA e Fidaldo da un lato e Filcams-CGIL, Fisascat-CISL, Uiltucs-UIL e Federcolf dall’altro.

La mera emissione del primo contributo di assistenza contrattuale con il codice F2 rappresenta un atto di iscrizione alla Cas.Sa.Colf. In seguito al regolare pagamento dei contributi contrattuali per quattro trimestri consecutivi, con una soglia minima di € 25,00 (cumulabili con più rapporti di lavoro), il lavoratore ha diritto alle prestazioni erogate direttamente dalla Cas.Sa.Colf o indirettamente tramite UNISALUTE. Maggiori dettagli sono disponibili sul sito www.cassacolf.it nella categoria “prestazioni” e poi nella sezione “sei una dipendente”.

 

In osservanza alle disposizioni del regolamento della Cas.Sa.Colf, per usufruire dei servizi offerti è indispensabile presentare una richiesta di prestazioni mediante la compilazione dei moduli disponibili per il download sul sito. Si invitano a seguire i passaggi indicati e a allegare la documentazione necessaria in relazione alla specifica situazione:

  • Modulo Richiesta Prestazioni (MRP/D) compilato e firmato;
  • Modulo Richiesta Dati (MRD/D) compilato e firmato
  • Informativa e dichiarazione di consenso ai sensi della Legge 196/03 (MIC/D) compilato e firmato;
  • Copia del documento di identità del dipendente in corso di validità;
  • Numero quattro (4) attestati dell’avvenuto versamento con regolarità e continuità dei contributi di assistenza contrattuale degli ultimi quattro trimestri;
  • In caso di ricovero ospedaliero si dovranno allegare i certificati di ricovero e di dimissione contenenti la diagnosi;
  • In caso di richiesta di indennità giornaliera di convalescenza, deve essere allegata la copia della prescrizione della convalescenza stessa da parte di un medico convenzionato con il Servizio Sanitario Nazionale, sempre che la stessa non sia prevista nel certificato di dimissione;
  • In caso di rimborso di ticket sanitari occorrerà allegare copia dei ticket pagati;
  • Esame Istologico obbligatorio in caso di rimborso per forme oncologiche;
  • Fatture delle spese sostenute per vitto e pernottamento dall’accompagnatore nell’istituto di cura o struttura alberghiera nel caso di rimborso spese per interventi chirurgici del neonato nel suo primo anno di vita;
  • Fatture delle spese sostenute per acquisto o noleggio di materiale riabilitativo e relativa prescrizione medica;
  • Fatture delle spese sostenute per trattamenti fisioterapici e/o cure termali effettuate presso strutture Servizio Sanitario Nazionale del e relativa prescrizione medica.

 

Il datore di lavoro domestico segue lo stesso iter, beneficiando delle prestazioni offerte dalla Cas.Sa.Colf grazie al contributo di assistenza contrattuale con il codice F2. Le condizioni per l’accesso alle prestazioni sono analoghe a quelle previste per il dipendente e sono dettagliate sul sito www.cassacolf.it, categoria “prestazioni”, sezione “sei un datore di lavoro”. Di seguito sono indicati i moduli scaricabili dal sito, corredati dai relativi allegati in base alle specifiche necessità:

  • Modulo Richiesta Prestazioni (MRI/DL) compilato e firmato;
  • Modulo Richiesta Dati (MRD/DL) compilato e firmato;
  • Informativa e dichiarazione di consenso ai sensi della Legge 196/03 (MIC/DL) compilato e firmato;
  • Copia del documento di identità del dipendente in corso di validità;
  • Numero quattro (4) attestati dell’avvenuto versamento con regolarità e continuità dei contributi di assistenza contrattuale degli ultimi quattro trimestri;
  • Copia della denuncia della rivalsa INAIL;
  • Copia di tutta la documentazione medica e legale per la quale si richiedono le prestazioni della Cas.Sa.Colf.

La responsabilità del versamento dei contributi di assistenza contrattuale ricade su tutti coloro che adottano il CCNL relativo per la gestione del proprio rapporto di lavoro. L’ammontare orario del contributo è stabilito in 0,06 euro, di cui 0,02 euro a carico del lavoratore, detratte direttamente dal datore di lavoro dallo stipendio, e 0,04 euro a carico del datore di lavoro. Si sottolinea che la quota a carico del datore di lavoro ha natura retributiva, come previsto dall’articolo 53, comma 3.

< Torna al blog

    Hai domande sul lavoro domestico?

    Chiama al numero 06.68210696 / 3285695515

    oppure lascia il tuo numero e verrai ricontattato

    Send this to a friend