VIDEOSORVEGLIANZA NEL LAVORO DOMESTICO: È POSSIBILE?

Negli ultimi anni, la videosorveglianza è diventata sempre più comune nelle case dei datori di lavoro domestico che assumono collaboratrici come colf e badanti. 

Videosorveglianza nel lavoro domestico: come funziona?  

L’uso di telecamere di sicurezza in ambito domestico ha suscitato un dibattito acceso, poiché si scontrano esigenze di sicurezza e privacy. L’uso della videosorveglianza, infatti, può essere un valido strumento per garantire la sicurezza e prevenire abusi, ma deve essere gestito con attenzione per non violare la privacy dei collaboratori domestici. La chiave sta nell’equilibrio tra la sicurezza e il rispetto della dignità e della privacy di tutte le parti coinvolte. La comunicazione aperta e il rispetto dei diritti individuali sono fondamentali per garantire un ambiente di lavoro domestico sano e sicuro.   

In questo contesto, la normativa sulla videosorveglianza nel lavoro domestico richiede una considerazione particolare e specifica, tenendo conto delle peculiarità di questo tipo di lavoro e delle esigenze legate alla privacy e al rispetto dei diritti dei lavoratori domestici. La normativa deve affrontare questioni come il consenso dei lavoratori, la finalità della videosorveglianza e le modalità di utilizzo dei dati raccolti, in modo da garantire una tutela adeguata sia per i datori di lavoro che per i lavoratori domestici. 

Videosorveglianza nel lavoro domestico: aspetti giuridici 

La videosorveglianza nel contesto del lavoro domestico è un tema che fino a qualche anno fa non aveva ricevuto un’adeguata trattazione normativa. In precedenza, la disciplina della videosorveglianza era stata regolamentata dalla Legge 300 del 1970, comunemente conosciuta come lo “Statuto dei Lavoratori“. Questa legge consentiva l’installazione di sistemi audiovisivi per monitorare a distanza l’attività dei lavoratori solo per specifiche ragioni, tra cui quelle organizzative e produttive, la sicurezza sul luogo di lavoro e la protezione del patrimonio aziendale. Tuttavia, era richiesto un accordo sindacale o, in assenza di questo, l’autorizzazione della competente sede territoriale dell’Ispettorato del Lavoro per poter utilizzare la videosorveglianza. 

L’Ispettorato Nazionale del Lavoro, con una nota dell’8 febbraio 2017, protocollo n. 1004, ha stabilito le regole da seguire nel caso in cui si voglia effettuare la videosorveglianza nel contesto del lavoro domestico, ovvero quando il datore di lavoro intenda installare dispositivi di videosorveglianza all’interno della propria abitazione privata. Questa pratica è spesso richiesta quando si desidera monitorare l’attività della collaboratrice domestica. 

Il Contratto Collettivo Nazionale dei lavoratori domestici consente la presenza di telecamere in funzione all’interno dell’abitazione, a condizione che vengano rispettate determinate regole. È importante sottolineare che non esiste una disposizione specifica nel CCNL dei lavoratori domestici che regoli il controllo sulla badante attraverso la videosorveglianza, ma piuttosto si affronta il tema della tutela della sua privacy. Le condizioni di lavoro del collaboratore domestico, compresa la privacy, sono protette dall’articolo 28 del medesimo contratto collettivo nazionale di riferimento. 

Di conseguenza, il datore di lavoro domestico ha la facoltà di installare sistemi o dispositivi audiovisivi, comprese telecamere, all’interno della propria abitazione senza specificarne l’uso. Questi dispositivi possono essere installati per scopi come la prevenzione di eventuali furti o per assicurarsi del benessere dell’assistito quando si trova da solo. È importante notare che l’uso di tali dispositivi deve sempre avvenire nel rispetto delle leggi sulla privacy e delle normative vigenti, garantendo la tutela dei diritti e della dignità dei lavoratori domestici. 

Videosorveglianza nel lavoro domestico: è obbligatorio informare il lavoratore 

È fondamentale, qualora vi sia un contratto di lavoro domestico in essere, garantire che il lavoratore sia pienamente informato riguardo all’esistenza o all’installazione di sistemi di videosorveglianza. Questa informazione deve essere comunicata in forma scritta. La firma di tale accordo implica automaticamente che il lavoratore è stato debitamente informato. 

Si noti che tutti i sistemi audiovisivi, inclusi i dispositivi di videosorveglianza come le telecamere, sono vietati all’interno dell’alloggio riservato alla collaboratrice domestica, come stabilito dall’articolo 36, comma 2, del Ccnl. Questo divieto si applica anche ai servizi igienici. 

È importante sottolineare che le immagini e le informazioni raccolte attraverso i sistemi audiovisivi, in particolare le telecamere, devono essere gestite nel totale rispetto delle leggi vigenti sulla protezione dei dati personali. 

Limiti e considerazioni etiche sull’utilizzo della videosorveglianza nel lavoro domestico 

  • Violazione della privacy: l’uso indiscriminato delle telecamere può costituire una violazione della privacy dei collaboratori domestici. È fondamentale rispettare i loro diritti alla privacy e informarli chiaramente sull’uso delle telecamere, eventualmente richiedendo il loro consenso scritto, come richiesto dalla legge in molti paesi. 
  • Sorveglianza costante: la presenza costante di telecamere può mettere sotto pressione i collaboratori domestici, facendoli sentire spiati e non rispettati nella loro privacy. Ciò può influire negativamente sulla loro qualità del lavoro e sul benessere psicologico. 
  • Informazione e consenso: prima di installare telecamere, i datori di lavoro dovrebbero informare chiaramente i collaboratori domestici sulla presenza, lo scopo e la posizione delle telecamere. È essenziale ottenere il loro consenso scritto, se richiesto dalla legge. 
  • Limitare l’accesso: limitare rigorosamente l’accesso alle registrazioni video solo alle persone autorizzate e solo quando strettamente necessario, come in situazioni di emergenza o dispute. 
  • Garantire la qualità del lavoro: la videosorveglianza non dovrebbe sostituire altri metodi di valutazione delle prestazioni dei collaboratori domestici. Deve essere utilizzata principalmente per garantire la sicurezza della casa e dell’assistito, non per valutare costantemente il lavoro. 
  • Periodiche verifiche delle registrazioni: periodicamente, i datori di lavoro dovrebbero esaminare le registrazioni per assicurarsi che tutto proceda correttamente e che l’uso delle telecamere sia conforme all’accordo stabilito in precedenza. 

Leggi l'articolo completo

    Hai domande sul lavoro domestico?

    Chiama al numero 06.68210696 / 3285695515

    oppure lascia il tuo numero e verrai ricontattato

    Send this to a friend